Musei Civici di Verona

Convenzioni Nazionali
Grandezza Carattere

Il centro storico di Verona è stato iscritto nella Lista del Patrimonio Mondiale UNESCO il 30 novembre 2000 dalla XXIV Assemblea Plenaria del World Heritage Committee (W.H.C.) perché, per la sua struttura urbana e per la sua architettura, Verona è uno splendido esempio di città che si è sviluppata progressivamente e ininterrottamente durante duemila anni, integrando elementi artistici di altissima qualità dei diversi periodi che si sono succeduti.

Comune di VeronaVerona rappresenta in modo eccezionale il concetto della città fortificata in più tappe caratteristico della storia europea. E’ una città di cultura e di arte.

 

EVENTI 2020

2019

2018

2017

2016


    Anfiteatro Arena
    Museo di Castelvecchio
    Museo degli Affreschi “G. B. Cavalcaselle” alla tomba di Giulietta
    Museo Archeologico Teatro Romano
    Museo Lapidario Maffeiano
    Casa di Giulietta
    Centro Internazionale di Fotografia Scavi Scaligeri
    Museo di Storia Naturale
    GAM Galleria d’Arte Moderna Achille Forti

    INFORMAZIONI - VERONA CARD

     

    Anfiteatro Arena

    Riscopriamo l’anfiteatro Arena, con la proposta di visite guidate gratuite per cittadini e turisti.

    I Musei Civici in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Verona, Rovigo, Vicenza, in occasione della riapertura dell'anfiteatro e delle Giornate Europee dell’Archeologia (19-21 giugno 2020), hanno dato avvio ad un’attività di valorizzazione del principale monumento cittadino. I tour guidati proseguono per tutta la stagione estiva, il giovedì e il venerdì con archeologi dei Musei Civici di Verona e della Soprintendenza, il sabato e la domenica con operatori della Cooperativa Le Macchine Celibi.

    Modalità di partecipazione
    Le visite sono gratuite con prenotazione obbligatoria e previo acquisto del biglietto (online o presso la biglietteria nell’arcovolo 5 dell'anfiteatro): vedi prezzi e modalità di acquisto dei biglietti. I soci DLF hanno diritto al biglietto Ridotto A, presentando la tessera DLF in biglietteria e all'ingresso.
    La durata massima prevista è di un'ora.
    Sono previsti gruppi di massimo 15 persone nel pieno rispetto dei protocolli regionali di sicurezza.
    Vanno rispettate tutte le prescrizioni stabilite per l'ingresso nell'anfiteatro Arena: vedi le semplici regole per una buona visita.

    Prenotazioni
    (entro il giorno precedente la data prescelta)
    Segreteria didattica dei Musei Civici del Comune di Verona
    da lunedì a venerdì, dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 16
    il sabato dalle 9 alle 13
    tel. 045 8036353 - 045 597140
    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

    Per ulteriori informazioni
    Direzione Musei Civici
    tel. 045 8062611

    CALENDARIO

    Agosto
    ore 11.30

    sabato 1 - Le Macchine Celibi - Visita guidata all'anfiteatro
    domenica 2 - Le Macchine Celibi - Visita guidata all'anfiteatro
    giovedì 6 - Claudia Cenci, archeologa Soprintendenza ABAP (Verona, Vicenza e Rovigo) - Giochi e spettacoli nell'anfiteatro nell'antichità
    venerdì 7 - Antonella Arzone, Musei Civici di Verona - L'Arena e l’Imperatore Claudio
    sabato 8 - Le Macchine Celibi - Visita guidata all’anfiteatro
    domenica 9 - Le Macchine Celibi - Visita guidata all’anfiteatro
    giovedì 13 - Gianni De Zuccato, archeologo Soprintendenza ABAP (Verona, Vicenza e Rovigo) - L'Arena, Gallieno e Teodorico
    venerdì 14 - Antonella Arzone, Musei Civici di Verona - Numismatica e archeologia in Arena
    sabato 15 - Le Macchine Celibi - Visita guidata all’anfiteatro
    domenica 16 - Le Macchine Celibi - Visita guidata all’anfiteatro
    giovedì 20 - Felice Giuseppe Romano, architetto Soprintendenza ABAP (Verona, Vicenza e Rovigo) - L'Arena di Verona: Progetti nuovi per un monumento antico
    introduce Brunella Bruno
    venerdì 21 - Massimo Saracino, Musei Civici di Verona - L’Arena: ieri, oggi e domani
    sabato 22 - Le Macchine Celibi - Visita guidata all’anfiteatro
    domenica 23 - Le Macchine Celibi - Visita guidata all’anfiteatro
    giovedì 27 - Marco Cofani, architetto Soprintendenza ABAP (Verona, Vicenza e Rovigo) - 1570-2020: i 450 anni della "nuova" cavea dell'Arena
    venerdì 28 - Massimo Saracino, Musei Civici di Verona - Il passato storico-archeologico dell’Arena
    sabato 29 - Le Macchine Celibi - Visita guidata all’anfiteatro
    domenica 30 - Le Macchine Celibi - Visita guidata all’anfiteatro

    Settembre
    ore 11.30

    giovedì 3 - Giovanna Falezza, archeologa Soprintendenza ABAP (Verona, Vicenza e Rovigo) - L'Arena, l'acqua e gli acquedotti
    venerdì 4 - Dario Gallina, archeologo - I muri dell'Arena raccontano: tecniche costruttive antiche, usi, riusi (e abusi) dal Medioevo ad oggi
    sabato 5- Le Macchine Celibi - Visita guidata all’anfiteatro
    domenica 6 - Le Macchine Celibi - Visita guidata all’anfiteatro
    giovedì 10 - Maristella Vecchiato, storica dell'arte Soprintendenza ABAP (Verona, Vicenza e Rovigo) - Il salvataggio dell'Arena durante la seconda guerra mondiale
    introduce Brunella Bruno
    venerdì 11 - Massimo Saracino, Musei Civici di Verona - Il passato storico-archeologico dell’Arena
    sabato 12 - Le Macchine Celibi - Visita guidata all’anfiteatro
    domenica 13 - Le Macchine Celibi - Visita guidata all’anfiteatro

    Evento speciale / save the date
    giovedì 17 - Vincenzo Tiné, Soprintendente ABAP (Verona, Vicenza e Rovigo)
    L'Arena e la musica. Tra tutela e fruizione
    introduce Francesca Rossi, Direttrice Musei Civici di Verona

    venerdì 18 - Massimo Saracino, Musei Civici di Verona - L'Arena: ieri, oggi e domani
    sabato 19 - Le Macchine Celibi - Visita guidata all’anfiteatro
    domenica 20 - Le Macchine Celibi - Visita guidata all’anfiteatro

    Il calendario può subire variazioni

    Dove
    Arena anfiteatro - Piazza Bra - Verona

     

    Il monumento - simbolo della città - deve il suo nome al toponimo latino che indica la sabbia, che ne ricopriva la platea. E’ il terzo anfiteatro romano per dimensioni (dopo il Colosseo e l’anfiteatro di Capua), giunto in buono stato conservativo fino ai giorni nostri. I Romani lo costruirono nella prima metà del I sec. d.C., per ospitare gli spettacoli di cui erano particolarmente appassionati: i combattimenti fra gladiatori e le cacce agli animali feroci ed esotici.Anfiteatro Arena

    Eretto all’esterno delle mura, l’edificio è stato costruito mantenendo l’orientamento dei suoi assi e dei sistemi di drenaggio delle acque rispetto al reticolo viario urbano dell’epoca romana. L’Arena venne utilizzata per secoli come fonte di materiale edilizio di reimpiego nella costruzione di successivi edifici cittadini: questa è la causa principale della sua attuale incompletezza. A farne pesantemente le spese è stato l’anello di cinta esterno, già intaccato nel VI sec, poi distrutto dal terremoto del XII sec. Tale anello era costituito da un triplo ordine di arcate sovrapposte, in stile architettonico tuscanico ed era fatto interamente di pietra calcarea della Valpolicella, bianca e rosata. Lavorato a bugnato, l’altezza complessiva era di circa 31 metri.

    Oggi, del rivestimento esterno rimane solo una piccola porzione, la cosiddetta “Ala”, di quattro campate. Si conserva pressoché integro, invece, l’anello interno a due ordini di 72 arcate in pietra, che formano un’ellisse di circa 140x110 metri. All’interno, dalla platea si alzano le gradinate con 44 serie di posti, raggiungibili dai 64 “vomitatoria” disposti su quattro piani (cui s’accedeva tramite un sistema complesso di scale). La cavea e la platea sono state restaurate in epoca moderna.

    Sotto il monumento sono state ritrovate tracce di un complesso sistema di impianti idraulici per mezzo dei quali si introduceva l’acqua per i giochi acquatici e si provvedeva alla pulizia dell’anfiteatro. Della ricca decorazione scultorea di cui sicuramente era dotato l’edificio, rimane poco. I reperti più importanti sono conservati al Museo Civico Archeologico.

    L’Arena fu sempre utilizzata per manifestazioni spettacolari. Dopo i giochi del periodo romano, nel Medioevo e fino a metà del XVIII sec. vi si tenevano giostre e tornei. Dal 1913, l’Arena è diventata sede del più importante teatro lirico all’aperto del mondo.

    Anfiteatro ArenaAnfiteatro Arena

    Piazza Bra, Verona
    Tel. 045 8003204
    e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    Internet Anfiteatro Arena

     

    ATTENZIONE

    Il DLF offre ai Soci il prezzo scontato CRAL, under 30 e over 65 sui posti di: Poltrona, Poltroncina numerata e Gradinata non numerata della Stagione Lirica in Arena.
    Non solo, presso l’Associazione DLF Verona, a Via XX Settembre 17, tel. 045 596703, e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. si effettua anche la prevendita e la stampa dei biglietti di tutte le manifestazioni e gli spettacoli che si svolgono in Arena e in altri teatri a Verona.

      Inizio

       

      Museo di Castelvecchio

      Dal 4 luglio 2020 il Museo di Castelvecchio ha riaperto al pubblico, con nuove modalità per garantire la sicurezza dei visitatori e degli operatori.

      Itinerario di visita
      Gli spazi all'interno del museo sono tutti accessibili. Rimangono temporaneamente chiusi al pubblico il camminamento che conduce alla Torre dell'Orologio e al giardino pensile, e il camminamento lungo l'Adige tra l'area espositiva di Cangrande della Scala e la Torre di nord-est.

      Biglietti
      Si consiglia di acquistare il biglietto online a questo link museiverona.com, prenotando anche l'orario di ingresso.

      TARIFFE

      • biglietto intero: € 6,00 + € 0,60 prevendita online
      • biglietto ridotto A - gruppi (oltre 15 persone), SOCI DLF, persone oltre 60 anni: € 4,50 + € 0,45 prevendita online
      • biglietto ridotto B - ragazzi (8-14 anni, solo accompagnati): € 1,00 + € 0,10 prevendita online
      • ingresso gratuito
        (anche chi ha diritto alla gratuità può prenotare online la visita al link museiverona.com)
        persone con età superiore a 65 anni residenti nel Comune di Verona
        persone con disabilità e loro accompagnatore
        bambini fino a 7 anni

      Chi ha diritto all'ingresso agevolato o gratuito, dovrà esibire il titolo che lo giustifica all'entrata (documento d'identità o altro a seconda del tipo di agevolazione).

      É aperta anche la biglietteria presso il Museo di Castelvecchio.

      Audioguide
      Sono disponibili al costo di € 4,00 l'ora (gli apparecchi vengono disinfettati prima e dopo ogni utilizzo).

      Orari di apertura
      da martedì a domenica dalle 11 alle 17
      (l'ultimo ingresso prenotabile è alle 16.30)
      lunedì chiuso

      Semplici regole per una buona visita
      Le informazioni sono disponibili a questo link: museicivici.comune.verona.it

      Museo di Castelvecchio

       

      Maniero scaligero voluto da Cangrande II, fu costruito nel 1354-57 su preesistenti fortificazioni. Aveva funzione di residenza signorile, ma anche di presidio difensivo sia verso attacchi dalla città sia verso il ponte che consentiva il collegamento con la strada per il Tirolo. Presenta due nuclei, divisi da un tratto delle mura duecentesche e sette torri perimetrali; il nucleo di destra racchiude il cortile maggiore, con la piazza d’armi; il nucleo di sinistra era la vera e propria reggia scaligera, con cortile più stretto e doppia cinta muraria. Al centro, l’alta Torre del Mastio (1375), da cui si accede al Ponte Scaligero sull’Adige. Dopo la caduta degli Scaligeri fu utilizzato come deposito d’armi dai veneziani e nel ‘700 ospitò l’Accademia Militare della Serenissima; in seguito, sotto il dominio francese e quello austriaco, venne utilizzato come caserma.

      Nel 1923 fu avviato un radicale restauro che smantellò i caratteri militari del monumento, con l’inserimento di elementi architettonici tardogotici e rinascimentali di reimpiego e il ripristino delle merlature e delle coperture delle torri (eliminate in epoca napoleonica). Nel 1928 diventò sede del Museo di Castelvecchio. Nel 1943 ospitò l’assemblea che diede vita alla Repubblica di Salò e vi fu celebrato il processo che condannò a morte i gerarchi fascisti che avevano deposto Mussolini (fra cui il genero di questi, Galeazzo Ciano). Danneggiato dai bombardamenti, rimase vuoto per una decina d’anni.

      Nel 1957 l’arch. Carlo Scarpa e il direttore del Museo, Licisco Magagnato, avviarono una radicale opera di ristrutturazione e riallestimento museale; i lavori, terminati nel 1964, riportarono alla luce l’antica Porta del Morbio che si apriva nella cinta muraria del XII sec.

      Museo di CastelvecchioMuseo di Castelvecchio

      Corso Castelvecchio 2, 37121 Verona
      Tel. +39 045 8062611 (centralino)
      Fax +39 045 8010729
      e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
      Internet Museo di Castelvecchio

      Inizio

       

      Museo degli Affreschi “Giovanni Battista Cavalcaselle” alla tomba di Giulietta

      Museo degli Affreschi

      Il Museo degli Affreschi G.B. Cavalcaselle ha riaperto al pubblico, con nuove modalità per garantire la sicurezza dei visitatori e degli operatori. Di seguito alcune informazioni utili per la visita.

      Biglietti
      Si consiglia di acquistare il biglietto online a questo link museiverona.com, prenotando anche l'orario di ingresso.

      TARIFFE

      • biglietto intero: € 4,50 + € 0,45 prevendita online
      • biglietto ridotto A - gruppi (oltre 15 persone), SOCI DLF, persone oltre 60 anni: € 3,00 + € 0,30 prevendita online
      • biglietto ridotto B - ragazzi (8-14 anni, solo accompagnati): € 1,00 + € 0,10 prevendita online
      • biglietto cumulativo musei Tomba/Casa di Giulietta intero: € 7,00 + € 0,70 prevendita online
      • biglietto cumulativo musei Tomba/Casa di Giulietta ridotto: € 5,00 + € 0,50 prevendita online
      • ingresso gratuito
        (anche chi ha diritto alla gratuità può prenotare online la visita al link museiverona.com)
        persone con età superiore a 65 anni residenti nel Comune di Verona
        persone con disabilità e loro accompagnatore
        bambini fino a 7 anni

      Chi ha diritto all'ingresso agevolato o gratuito, dovrà esibire il titolo che lo giustifica all'entrata (documento d'identità o altro a seconda del tipo di agevolazione).

      É aperta anche la biglietteria presso il Museo degli Affreschi.

      Orari di apertura
      da martedì a domenica dalle 11 alle 17
      (l'ultimo ingresso prenotabile è alle 16.30)
      lunedì chiuso

      Semplici regole per una buona visita
      Le informazioni sono disponibili a questo link: museicivici.comune.verona.it

       

      Il complesso conventuale di san Francesco al Corso risale al XIII secolo. Nel 1935 Antonio Avena, allora Direttore dei Musei Civici, apriva al pubblico la cosiddetta “Tomba di Giulietta”, cioè il luogo in cui era stata posta l’arca che secondo la leggenda accolse i corpi di Romeo e Giulietta, facendone punto di attrazione turistica.

      Nell’annesso Museo degli Affreschi “G. B. Cavalcaselle”, inaugurato nel 1975, sono esposti cicli di affreschi provenienti da edifici veronesi dal Medioevo al Cinquecento e sculture dell’Ottocento, mentre la chiesa di San Francesco ospita opere su tela di grandi dimensioni dal Cinquecento al Settecento.

      Nel sotterraneo è collocato un deposito di anfore romane del I secolo d.C. rinvenute in scavi della zona. Nel cortile è depositato materiale lapideo (architettonico e scultoreo) medievale e moderno in previsione dell’allestimento di un lapidario.

      Museo degli Affreschi “Giovanni Battista Cavalcaselle” alla tomba di Giulietta

      Via Luigi da Porto 5, 37121 Verona
      Tel. 045 8000361 fax 045 8010729
      e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
      Internet Museo degli Affreschi “Giovanni Battista Cavalcaselle”

      Inizio

       

      Museo Archeologico del Teatro Romano

      Museo Archeologico del Teatro Romano

      Il Museo Archeologico al Teatro Romano è aperto al pubblico, con nuove modalità per garantire la sicurezza dei visitatori e degli operatori. Di seguito alcune informazioni utili per la visita.

      Biglietti
      Si consiglia di acquistare il biglietto online a questo link museiverona.com, prenotando anche l'orario di ingresso.

      TARIFFE

      • biglietto intero: € 4,50 + € 0,45 prevendita online
      • biglietto ridotto A - gruppi (oltre 15 persone), SOCI DLF, persone oltre 60 anni: € 3,00 + € 0,30 prevendita online
      • biglietto ridotto B - ragazzi (8-14 anni, solo accompagnati): € 1,00 + € 0,10 prevendita online
      • ingresso gratuito
        (anche chi ha diritto alla gratuità può prenotare online la visita al link museiverona.com)
        persone con età superiore a 65 anni residenti nel Comune di Verona
        persone con disabilità e loro accompagnatore
        bambini fino a 7 anni

      Chi ha diritto all'ingresso agevolato o gratuito, dovrà esibire il titolo che lo giustifica all'entrata (documento d'identità o altro a seconda del tipo di agevolazione).

      É aperta anche la biglietteria presso il Museo.

      Orari di apertura
      da martedì a domenica dalle 11 alle 17
      (l'ultimo ingresso prenotabile è alle 16.30)
      lunedì chiuso

      Semplici regole per una buona visita
      Le informazioni sono disponibili a questo link: museicivici.comune.verona.it

       

      L’inizio della costruzione del teatro si colloca nell’ultimo quarto del I secolo a.C., in piena età augustea. La costruzione del teatro si protrasse per alcuni decenni e ne risultò un edificio di spettacolare grandiosità, incluso in un complesso urbanistico di grande bellezza.

      Il recupero dei resti del teatro, iniziato nel 1834 ad opera di un ricco veronese, Andrea Monga, il quale acquistò a sue spese tutte le case che nel corso dei secoli erano sorte sull’area, ha dimostrato che esso risponde ai canoni architettonici propri di questo tipo di edifici: la cavea riservata agli spettatori, divisa in due sezioni e verticalmente in cunei; l’orchestra semicircolare ai piedi della gradinata; la scena, riservata agli attori. Nel periodo estivo vi si tengono rappresentazioni teatrali e musicali.

      Il Museo Archeologico fu istituito nel 1923 nei locali dell’ex convento quattrocentesco di San Girolamo, sovrastante il teatro. Vi sono esposti vasi greci, mosaici, sculture, oggetti in vetro e utensili di uso quotidiano provenienti da necropoli, iscrizioni sacre e sepolcrali rinvenute in Verona e provincia.

      Museo Archeologico del Teatro RomanoMuseo Archeologico del Teatro Romano

      Regaste Redentore 2, Verona
      Tel. 045 8000360 fax 045 8010587
      e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
      Internet Museo Archeologico del Teatro Romano

      Inizio

       

      Museo Lapidario Maffeiano

      (temporaneamente chiuso)

      Museo Lapidario MaffeianoFra i più antichi musei pubblici europei, il Lapidario (collezione epigrafica greca, etrusca, paleoveneta e romana, ma anche araba) fu istituito nel 1745 grazie soprattutto all’appassionata opera di raccolta di Scipione Maffei, insigne uomo di cultura veronese. Sorse ne luogo compreso fra le antiche mura che congiungevano piazza Bra e Castelvecchio. Il luogo era stato pensato fin dall’inizio come un giardino di accesso al teatro dell’Accademia Filarmonica.

      Fin dal 1612 l’Accademia filarmonica aveva acquistato 28 epigrafi e le aveva successivamente esposte nel cortile antistante l’edificio. La sistemazione a museo si deve allo stesso Scipione Maffei; il Museo fu poi acquistato dal Comune nel 1883 ed è stato riallestito secondo criteri moderni nel 1982.

      Il materiale epigrafico e i rilievi sono distribuiti secondo sezioni cronologiche nel cortile per cui si accede al ridotto del teatro Filarmonico, nel sotterraneo e in due sale superiori dalle quali un collegamento sopra le mura scaligere conduce alla Gran Guardia.

      Museo Lapidario Maffeiano

      Piazza Bra 28, Verona
      Tel. 045 590087 fax 045 8010729
      e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
      Internet Museo Lapidario Maffeiano

      Inizio

       

      Casa di GiuliettaCasa di Giulietta

      La Casa di Giulietta è aperta al pubblico nel pieno rispetto delle procedure la prevenzione del Covid-19.

      Itinerario di visita
      É possibile visitare il cortile, il piano terra, il primo piano con il balcone di Giulietta e il secondo piano con la stanza in cui è esposto il letto creato per il film Romeo e Giulietta di Zeffirelli.

      Biglietti
      Poichè il numero degli ingressi è limitato, si consiglia di acquistare il biglietto online a questo link museiverona.com, prenotando anche l'orario di ingresso.

      TARIFFE

      • biglietto intero: € 6,00 + € 0,60 prevendita
      • biglietto ridotto A - gruppi (oltre 15 persone), SOCI DLF, persone oltre 60 anni: € 4,50 + € 0,45 prevendita
      • biglietto ridotto B - ragazzi (8-14 anni, solo accompagnati): € 1,00 + € 0,10 prevendita
      • ingresso gratuito
        (anche chi ha diritto alla gratuità può prenotare online la visita al link museiverona.com)
        persone con età superiore a 65 anni residenti nel Comune di Verona
        persone con disabilità e loro accompagnatore
        bambini fino a 7 anni

      Chi ha diritto all'ingresso agevolato o gratuito, dovrà esibire il titolo che lo giustifica all'entrata (documento d'identità o altro a seconda del tipo di agevolazione).

      É aperta anche la biglietteria presso la casa museo.

      I protocolli di sicurezza consentono la vendita e la prenotazione di un numero limitato di biglietti, quindi è possibile che le disponibilità di esauriscano con facilità: si consiglia quindi di prenotare online.

      Orari di apertura
      da martedì a domenica dalle 9 alle 18
      (ultimo ingresso alle 17.30)
      lunedì chiuso

      Semplici regole per una buona visita
      Le informazioni sono disponibili a questo link, prenotando anche l'orario di ingresso: museicivici.comune.verona.it

       

      L’edificio, risalente al XIII secolo, fu a lungo proprietà della famiglia Cappello, il cui stemma è scolpito sull’arco interno del cortile. L’identificazione dei Cappello con i Capuleti ha dato origine alla convinzione che lì sorgesse la casa di Giulietta, eroina della tragedia di Shakespeare (in realtà mai esistita). L’aspetto attuale dell’edificio deriva dal radicale restauro operato all’inizio del XX secolo, teso a costruire l’immagine di una dimora medievale ideale (di quella originale, soprattutto degli interni, non era rimasto quasi nulla).

      L’edificio presenta una bella facciata interna in mattoni a vista, un portale in stile gotico, finestre trilobate, una balaustra che mette in comunicazione dall’esterno i vari corpi della casa e, ovviamente, il famoso balcone.

      All’interno sono esposti arredi del XVI-XVII secolo, affreschi relativi alle vicende di Romeo e Giulietta e ceramiche rinascimentali veronesi. Le sale dell’ultimo piano sono coperte da un soffitto ligneo trilobato, con cassettoni dipinti d’azzurro e stelle dorate.

      Nel cortile è collocata la statua in bronzo di Giulietta, di Nereo Costantini.

      Casa di Giulietta

      Via Cappello 23, 37121 Verona
      Tel. 045 8034303 fax 045 8010729
      e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
      Internet Casa di Giulietta

      Inizio

       

      Centro internazionale di Fotografia Scavi Scaligeri

      Centro Internazionale di Fotografia Scavi Scaligeri

      (Temporaneamente chiuso. Dall'11 maggio 2015 le attività del Centro sono sospese per gli adeguamenti necessari in vista dei lavori di restauro del Palazzo del Capitanio.)

      Visitando la grande area archeologica degli Scavi Scaligeri si compie un affascinante viaggio a ritroso nel tempo, alla scoperta della Verona romana e medievale.

      La zona è proprio al centro della città, a due passi dalla piazza delle Erbe, sede del potere politico e amministrativo nel Medioevo, che ricalca il tracciato del Foro, fulcro della vita civile e religiosa in età romana.

      Il percorso archeologico è sede espositiva del Centro Internazionale di Fotografia Scavi Scaligeri.

      Centro internazionale di Fotografia Scavi Scaligeri

      Cortile del Tribunale (Piazza Viviani), Verona
      Tel. 045 8007490 - 8013732 - 8000574
      e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
      Internet Centro internazionale di Fotografia Scavi Scaligeri

      Inizio

       

      Museo di Storia Naturale

      Museo di Storia Naturale

      Dal 4 luglio il Museo di Storia Naturale ha riaperto al pubblico, con nuove modalità per garantire la sicurezza dei visitatori e degli operatori.

      Biglietti
      Si consiglia di acquistare il biglietto online a questo link museiverona.com, prenotando anche l'orario di ingresso.

      TARIFFE

      • biglietto intero: € 4,50 + € 0,45 prevendita online
      • biglietto ridotto A - gruppi (oltre 15 persone), SOCI DLF, persone oltre 60 anni: € 3,00 + € 0,30 prevendita online
      • biglietto ridotto B - ragazzi (8-14 anni, solo accompagnati): € 1,00 + € 0,10 prevendita online
      • ingresso gratuito
        (anche chi ha diritto alla gratuità può prenotare online la visita al link museiverona.com)
        persone con età superiore a 65 anni residenti nel Comune di Verona
        persone con disabilità e loro accompagnatore
        bambini fino a 7 anni

      Chi ha diritto all'ingresso agevolato o gratuito, dovrà esibire il titolo che lo giustifica all'entrata (documento d'identità o altro a seconda del tipo di agevolazione).

      É aperta anche la biglietteria presso il Museo di Storia Naturale.

      Orari di apertura
      da martedì a domenica dalle 11 alle 17
      (ultimo ingresso è alle 16.30)
      lunedì chiuso

      Semplici regole per una buona visita
      Le informazioni sono disponibili a questo link: museicivici.comune.verona.it

       

      Palazzo Pompei, sede del Museo Civico di Storia Naturale di Verona, è uno degli edifici più importanti dal punto di vista storico e architettonico della città. Vi si trovano quattordici sale espositive, la biblioteca, i laboratori, i depositi delle collezioni e gli uffici del Museo.
      Le collezioni del Museo, organizzate nelle sezioni di Botanica, Geologia e Paleontologia, Preistoria, Zoologia, comprendono milioni di oggetti naturali che costituiscono un patrimonio di eccezionale importanza e ricchezza.
      Le sezioni di Preistoria e Botanica sono ospitate nella Palazzina Comando dell’Arsenale Austriaco di Verona.

      Museo di Storia Naturale

      Palazzo Pompei, Lungadige Porta Vittoria 9, 37129 Verona
      Tel. +39 045 8079400 (portineria Museo) fax +39 045 8035639
      e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
      Internet Museo di Storia Naturale

      DIDATTICA E PRENOTAZIONI

      Coop. Le Macchine Celibi

      dal lunedì al venerdì
      dalle ore 9 alle 13 e dalle 14 alle 16
      tel. +39 045 8036353 - fax +39 045 597140
      e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

      INDICAZIONI STRADALI

      Auto: Autostrada A4 - Milano Venezia, Uscita Verona Est, direzione centro; Uscita Verona Sud, direzione centro.

      PARCHEGGI (A PAGAMENTO)

      • Parcheggio Passalacqua, Via dell'Università (prossimità centro storico)
      • Parcheggio Saba Italia (Università - Polo Zanotto), Viale Università 4, tel. 045 8007921
      • Parcheggio Piazza Isolo, Via Ponte Pignolo 6/C, tel. 045 8007921

      Inizio

       

      Galleria d’Arte Moderna "Achille Forti"

      Francesco Hayez

      Dal 27 giugno 2020 ha riaperto la Galleria d'Arte Moderna Achille Forti, con nuove modalità per garantire la sicurezza dei visitatori e degli operatori. É aperta al pubblico anche la mostra La mano che crea. La galleria pubblica di Ugo Zannoni (1836-1919) scultore, collezionista e mecenate, in programma fino al 31 gennaio 2021.

      Biglietti
      Si consiglia di acquistare il biglietto online a questo link museiverona.com, prenotando anche l'orario di ingresso poichè il numero degli ingressi è limitato,

      Tariffe

      biglietto intero
      solo Galleria d'Arte Moderna: € 4,00 + € 0,40 prevendita online
      cumulativo Galleria d'Arte Moderna + Torre dei Lamberti: € 8,00 + € 0,80 prevendita online

      biglietto ridotto (gruppi oltre 15 persone, studenti dai 14 ai 30 anni, adulti over 60, SOCI DLF)
      solo Galleria d'Arte Moderna: € 2,50 + € 0,25 prevendita online
      cumulativo Galleria d'Arte Moderna + Torre dei Lamberti: € 5,00 + € 0,50 prevendita online

      Chi ha diritto all'ingresso agevolato o gratuito, dovrà esibire il documento che lo giustifica all'entrata (documento d'identità o altro a seconda del tipo di agevolazione).

      Sono aperte anche le biglietterie presso la Galleria d'Arte Moderna e la Torre dei Lamberti.

      Orari di apertura
      da martedì a domenica dalle 11 alle 17
      (ultimo ingresso alle 16.15)
      lunedì chiuso

      Ingresso
      Si accede dalla Scala della Ragione, dove i flussi saranno regolati in entrata e in uscita nel rispetto della procedura operativa adottata per il contrasto e il contenimento della diffusione del Covid-19.

      Semplici regole per una buona visita
      Le informazioni sono disponibili a questo link: museicivici.comune.verona.it

       

      Verona 1840 - 1940. Il nuovo percorso espositivo della Galleria d'Arte Moderna. Opere delle collezioni civiche e delle collezioni della Fondazione Cariverona e Fondazione Domus per l'arte moderna e contemporanea a Palazzo della Ragione.

      Aperta al pubblico dal 12 aprile 2014, la rinnovata Galleria d’Arte Moderna Achille Forti nella nuova sede di Palazzo della Ragione presenta per la prima volta le Collezioni Civiche - insieme alle Collezioni di Fondazione Domus e Fondazione Cariverona - in un percorso che copre un secolo di storie delle arti visive, dal 1840 al 1940.

      Le quattro grandi sale del piano nobile del Palazzo ospitano circa 150 opere - tra dipinti e sculture - che costituiscono uno straordinario racconto, non solo visivo, di Verona, del suo patrimonio culturale e paesaggistico e del collezionismo delle istituzioni cittadine.

      Museo d'Arte Moderna Palazzo FortiGalleria d’Arte Moderna Achille Forti

      Palazzo della Ragione, Cortile del Mercato Vecchio 6, 37121 Verona
      Tel. 045 8001903 Fax 045 8031394
      e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
      web gam.comune.verona.it

      Inizio

       

      INFORMAZIONIComune di Verona

      Musei Civici di Verona

      web museicivici.comune.verona.it - www.museiverona.com

      Comune di Verona - Cultura

      Palazzo Barbieri - Piazza Bra 1, 37121 Verona
      Tel. 045 5077626 - 8077503 Fax 045 8077239
      web www.comune.verona.it

      VERONA CARD

      La VeronaCard è un biglietto cumulativo che ti mette a disposizione la città. Entra nella scenografica Arena, affacciati al leggendario Balcone di Giulietta, sali sulla Torre dei Lamberti per una vista mozzafiato, visita le più belle chiese di Verona e scopri tanto altro ancora!

      Comune di Verona - Turismo

      Palazzo Barbieri - Piazza Bra 1, 37121 Verona
      Tel. 045 8077774 fax 045 8077239
      web www.veronacard.it - www.comune.verona.it

      Inizio