All’inizio degli anni ‘60 ho visto un film che se ben ricordo si intitolava “Totò Truffa” e ancor oggi ricordo la scena di cui gli interpreti, il grande Totò, Nino Taranto e Ugo D’Alessio, si trovavano in Piazza Trevi a Roma. Durante la gag, Totò nei panni di un consumato imbroglione con l'assistenza del suo collaboratore Nino Taranto tentava di vendere a un italo-americano di nome Decio Cavallo (per Totò era Caciocavallo) nientemeno che la fontana di Trevi.