Reggio Calabria, giovedì 1 giugno 2017 - Inaugurato il primo giorno di giugno, ritorna alla città un luogo di cultura e di incontro. Ha riaperto in una veste tutta rinnovata, il “Cine-teatro Metropolitano” del Dopolavoro Ferroviario di Reggio Calabria, storica struttura culturale ed artistica cittadina, sita in Via Nino Bixio a pochi metri da Piazza Garibaldi.

A Milano il Tempio del Liscio, del Boogie e dello Swing, con una pista da ballo autentica e un grande spazio dove ascoltare tanta buona musica rivivendo le emozioni, i suoni e i colori che tutti ricordano e che chi non ha mai conosciuto vorrebbe finalmente scoprire. Qui si trova anche la trattoria con piatti nostrani della cucina italiana.

Martedì 28 febbraio 2017, Mario Oliva, macchinista delle Ferrovie dello Stato Italiane, nonché presidente dell'Associazione DLF Livorno, è andato in pensione. Ha compiuto come ogni giorno il proprio turno alla guida della locomotiva, dopo più di 43 anni di lavoro in ferrovia dove ha svolto varie mansioni.

Il Gruppo Museale dell’Associazione DLF Ventimiglia si è attivato per il recupero del materiale ferroviario dismesso presente in varie stazioni liguri, con l’obiettivo di realizzare un museo del treno nel Circolo DLF Taggia Arma, che ha sede nella stazione omonima. Il lavori proseguono a buon ritmo: la sala espositiva si sta arricchendo di pezzi, gli ultimi provengono da stazioni litoranee appena chiuse, con lo spostamento della ferrovia a monte: si tratta della storica bacheca dei treni che era nell'atrio della stazione di Imperia Porto Maurizio e della bacheca con le indicazioni fondamentali della segnaletica ferroviaria.

Con un notevole sforzo economico e limitando al minimo i disagi per i frequentatori e l’utenza, l'Associazione DLF Firenze ha finalmente realizzato i lavori di ristrutturazione della palestra di Via Paisiello 131. Un intervento che non era più procrastinabile date le condizioni della pavimentazione e della controsoffittatura che denunciavano la vetustà e i segni (evidenti) di un uso massiccio e prolungato.

Da otto anni questo Consiglio Direttivo ha il compito di gestire l’Associazione DLF Foligno, anni dove si sono incontrate tante difficoltà, come quelle causate dal passaggio dalla gestione in comodato d’uso quasi gratuito dei locali del Dopolavoro all’affitto da pagare prima a FS, poi alla Società Patrimonio DLF, che ha acquistato i locali.

Il Dopolavoro Ferroviario di Pisa promuove il progetto “Centro Culturale Polivalente Multietnico MONDOSTAZIONE” (CCPM) - La finalità del progetto è di offrire occasioni di conoscenza e di integrazione reciproca e momenti di aggregazione di cittadini, di residenti temporanei e non, di immigrati di ogni etnia e religione. Nell’ottica dell’integrazione reciproca, intende consentire a ciascuno di sviluppare i propri interessi, di avere occasioni di uso qualificato del tempo libero. Intende stimolare la produzione e la ricerca nel campo di tutte le attività artistiche e culturali quali musica, danza, grafica, teatro, letteratura, pittura, nonché le attività sportive.

L’Associazione DLF Bologna ha sede presso il Parco Ettore Bufalieri di Via Sebastiano Serlio, a Bologna, con una estensione di 55mila metri quadrati. All’interno del parco sono presenti due palestre, un campo da calcio ad 11 ed uno sintetico a 7, sei campi da tennis, un campo da beach-volley, una maxi sala coperta, due sale riunioni, un ristorante polivalente, un bar, una pizzeria, una arena cinematografica, un locale per concerti.

Genova, agosto 2016 - Considerazioni sull'andamento della stagione cinematografica conclusasi a giugno. Se la precedente stagione è stata di fatto un vero rilancio del cinema dell’Associazione DLF Genova (quasi 10.000 spettatori), questa appena conclusasi ha superato le aspettative.

Dal 2008 ad oggi, il percorso dell‘Associazione DLF Alessandria, diventata al 1° gennaio 2015 Associazione DLF Alessandria-Asti è caratterizzato dalla concretezza e dall’impegno, per continuare ad essere per i Nostri Soci un punto di riferimento moderno ed al passo con i tempi. Il vero punto di forza è stato quello di aver coinvolto nelle nostre attività ed iniziative non solo i soci “storici” ma tutta la cittadinanza e questo ha permesso di attingere a nuove idee e nuovi punti di vista.

Nel 1999 l’Associazione DLF Sulmona, per la prima volta nella storia del Dopolavoro Ferroviario, ha eletto una donna come presidente: Franca Festa, proveniente da una precedente esperienza di amministratrice di nomina aziendale, confermata poi nelle successive elezioni, fino ad oggi. Confrontando, ad oltre 15 anni da quella elezione “storica”, le attività di anno in anno realizzate dal DLF che oggi si chiama Sulmona-L’Aquila, avendo nel 2015 accorpato quest’ultima sede territoriale, si scopre che non si è trattato di sola propaganda, ma di impegni allora annunciati e poi puntualmente realizzati e, anzi, accresciuti e resi più ambiziosi dal tempo e dall’esperienza.

“Le Associazioni rendono l’uomo più forte e mettono in risalto le doti migliori delle singole persone” (da Il Barone Rampante, di Italo Calvino) - Quando, a fine 2008, si costituì il nuovo gruppo dirigente dell'Associazione DLF Genova, con me presidente, pensavo che, per l’importanza e la delicatezza del compito, tutti noi avremmo dovuto avere formazione, motivazione e senso di responsabilità per non commettere imprudenze o errori che avrebbero potuto compromettere la credibilità dell’Associazione.

Negli ultimi anni abbiamo assistito a sostanziali cambiamenti sia per quanto riguarda l’Azienda FS sia per ciò che riguarda la struttura del Dopolavoro Ferroviario. Questi cambiamenti hanno influito in modo consistente sulla vita del DLF. Infatti, mentre prima l’Azienda FS concedeva in comodato gratuito i locali e sosteneva tutte le spese delle utenze, con la nuova politica aziendale tutti questi costi sono ricaduti in capo al DLF. Per fortuna ci sono state l’intuizione, la volontà e la capacità di cambiare assetto e il Dopolavoro Ferroviario si è trasformato in Associazione non profit.

In occasione del centesimo anniversario dalla realizzazione della linea ferroviaria Paola-Cosenza e dei 90 anni dalla fondazione del Dopolavoro Ferroviario, entrambi le ricorrenze cadute nel 2015, l’Associazione DLF Paola ha voluto ricordare questo evento, organizzando il 19 dicembre 2015 a Paola (CS) un convegno-seminario.

Sabato 10 ottobre 2015, numerosi soci DLF e amici si sono ritrovati al Ristorante Frontemare di Rivazzurra, frazione di Rimini, per celebrare il 90° anniversario della fondazione del DLF. 134 i convenuti, un numero sorprendente considerato che nel giorno successivo il DLF Rimini metteva in campo un’altra iniziativa, una gita che partiva con due pullman e 100 partecipanti.

Il patrimonio del DLF e di tutti i ferrovieri

Si è posta oggi la necessità di assicurare la tutela e la disponibilità dei beni immobili necessari alle attività delle Associazioni DLF territoriali, perciò l’Associazione Nazionale DLF ha costituito il 9 dicembre 2005 la Società “Patrimonio DLF”.

PRESENTIAMO IL NUOVO SITO DEDICATO AI 90 ANNI DEL DOPOLAVORO FERROVIARIO!

Visitate il sito www.novantesimo.dlf.it che è nato e sta crescendo grazie alla volontà dell'Associazione Nazionale DLF di offrire a tutti gli interessati una visione d'insieme dei 90 anni del Dopolavoro Ferroviario appena trascorsi e si arricchisce del contributo delle Associazioni DLF territoriali, che hanno inviato nel corso degli anni testimonianze e materiale fotografico.
Nel 2015 ricorrono il 90° anniversario della nascita del Dopolavoro Ferroviario ed i 20 anni dalla costituzione della Associazione Nazionale DLF.

La rivalutazione dell’ Associazione DLF Ravenna si può fare risalire all’ epoca in cui le FS hanno iniziato la trasformazione che ha prodotto le numerose Società in cui si articola oggi. Il sistema di finanziamento allora in vigore, praticamente gratuito, verso i DLF è passato gradualmente dal comodato d’uso gratuito, comprensivo delle utenze, al sistema attuale che prevede un canone di locazione e il pagamento in proprio delle utenze. Con la stipula dei nuovi contratti si caricavano sui DLF anche l’onere delle spese di manutenzione straordinaria e l’obbligo della messa a norma dei locali.

Altri articoli...